Treviso. Falsi invalidi denunciati per truffa: ora a rischiare grosso sono i loro medici

L’album

Un album doppio che mescola generi diversi e inedite tipologie sonore, secondo la già conosciuta ed apprezzatissima filosofia dello store.

Extréme metissage offre 24 brani originali e il brano che dà il titolo all’album esprime questa filosofia in musica: si parte da una base funk inedita di Mauro Malavasi e Davide Romani, sulla quale si interviene con suoni di sitar indiani e la si estremizza, fino a fonderla in melodie mediterranee tipiche della Grecia. Due sono i filoni, come due sono i C.D.: ‘L’Inde Le Palais’ e ‘Cafè Le Palais’, differenziati per tono e atmosfera, pensati per accompagnare i vari momenti della giornata. Da un’ atmosfera coinvolgente (musica da camera, chill, etnica) della mattina, fino ai ritmi più serrati della notte, ispirati al Cafè Le Palais, con influenze electro-funk e house. Una sorta di viaggio lungo un giorno, ma anche un itinerario con rivisitazioni del passato ed esplorazioni musicali che spaziano dalla musica celtica alla dance, ai mantra indiani.

Lungo il filo dei brani, dunque, si passa dalle sonorità etniche e acustiche, al New Romantic anni ’80, fino a influenze electro di matrice pop-dance e alla musica barocca.

Il primo cd, ‘L’Inde Le Palais’, si apre con l’Overture du Palais, a dare il via all’itinerario musicale che viene scandito, proprio come in un’opera, da un brano introduttivo che ricalca i suoni dell’ elettronica tedesca fine anni ‘70, rivisitati in chiave pop.

In September Wind scende in pista l’intensa Margherita Turco, alias Ghita, una grintosa voce giapponese che costituisce una delle sorprese diExtréme metissage.

La cover è il brano-cult Tomorrow, hit dell’Amanda Lear degli anni ruggenti, di cui ora Eva Robin’s, altra icona del costume contemporaneo, regala un’interpretazione rarefatta in chiave chill out. Una curiosità: Eva, nella prima versione del brano nel 1977, era presente come corista. Voci, echi e cori misteriosi si legano a creare la calda e magica situazione di Other side,interpretato da Gigi Fazio.

In Covillé Gate – il brano più d’atmosfera dell’intero album – entrano in scena gli Arké, grintoso quartetto d’archi impegnato in un’emozionante composizione tra sonorità celtiche e mediterranee. Il viaggio musicale prosegue verso Delhi: tabla e sitar fanno da padroni nella danza sensuale di 1h 76, evocando paesaggi d’oriente.

Chiude il percorso, come un main title di una pellicola a conclusione di questa prima parte del viaggio, Fermature du Palais, un brano in pieno stile celtico.

Nel secondo cd, ‘Cafè Le Palais’, il ritmo cresce man mano che si avvicina la sera, verso le sonorità house e dance. Watch your step rivisita i Change, band-icona della musica da discoteca anni ’80, rivisitati in stile electro-pop con l’interpretazione di Tying Tiffany, astro nascente del circuito ‘electro-clash’. Per sfumare in Hold Tight, sempre dei Change, stavolta remixato in chiave house.E, ancora, si prosegue con Tomorrow, autentico filo conduttore seduttivo del doppio album, questa volta stravolto dalle sonorità electro-house con un remix del dj Lorenzo Montanà.